LA CITTÀ PIÚ BELLA DEL MONDO E DOPP'’E CUNFIETTE VÈNENO ’E DIFIETTE (NAPOLI, ITALIA).



“Napoli per me non è la città di Napoli

ma solo una componente dell'animo umano

che so di poter trovare in tutte le persone,

siano esse napoletane o no.”


LUCIANO DE CRESCENZO


Napoli è una città incredibile, ricca di storia, tradizioni, cultura e ovviamente gastronomia di fama mondiale, il luogo dove è nata l'amata da tutti, la Pizza. Ma Napoli è molto di più, è una città con molta vita, in alcuni punti ha una grande somiglianza con le capitali dell'America Latina, ricche di tante cose, piene di contraddizioni e città che non dormono mai. Per chi viene da luoghi tranquilli, è un luogo affascinante, impossibile da conoscere completamente in pochi giorni. E per chi viene dalle grandi città è come essere a casa. Mercati, chiese, strade piene di gente, contrasti sociali. Una città con troppo da raccontare.


 

Le strade di Napoli

 


DOPP'’E CUNFIETTE VÈNENO ’E DIFIETTE




Se non fosse per il coltello conficcato in gola, potrei nuotare in questo momento nella pozza del mio stesso sangue, ma purtroppo non riesco a sentire le gambe e comincio a vedere tutto con più luce di pochi minuti prima Sono entrato nel bagno di questo squallido bar. Anche se più che male, sarà ridicolo.



Solo due mesi fa ho conosciuto Yaeri, una cubana che mi ha fatto impazzire in pochi secondi, abbiamo avuto una storia d'amore molto appassionata e intensa, era appena arrivata in campagna ed io ero sempre in viaggio, quindi avevo poco tempo per conoscere nuove persone . Un mese dopo ci stavamo già sposando, come puoi vedere, mi piace andare a tutto gas nelle curve. Il nostro matrimonio è stato un eccesso di cibo, alcol e droghe, è stato lì che ho conosciuto il cugino Humberto, un ragazzo molto simpatico, abbiamo avuto subito un'intesa, lo stesso giorno del mio matrimonio abbiamo continuato a bere e cantare finché non è rimasto più un solo ospite . Yaeri, la mia amata moglie, dormiva alle 4, anche lei aveva passato i drink.



Dato che Yaeri era così vicino a suo cugino e io avevo già stretto un'amicizia con Humberto. Non è stato difficile per me accettare che si sarebbe unito a noi per la nostra luna di miele, così sarebbe stato sicuramente tutto più divertente, con la sua gioia e le sue occorrenze, sicuramente non avremmo passato dei brutti momenti. Lo stesso per me non sarebbe una grande spesa, diciamo che il mio lavoro di imprenditore mi permette di concedermi ogni genere di lusso.



Ora che ci sto pensando... quel giorno sono uscito dalla doccia, sembravano un po' agitati, il sangue era salito ai loro volti, come se fossero arrabbiati, ma Humberto ha fatto subito una delle sue grandi battute, che mi ha fatto credere che tutto era buono. Bene, e anche quell'altro giorno al ristorante, siccome non potevo pagare con la carta al tavolo, sono andato alla cassa, ma nel riflesso del banco vedevo il nostro tavolo, si vedeva come Humberto ha preso Yaeri forte per il braccio, mentre Lui le sussurrava qualcosa all'orecchio, lei operò resistenza e si allontanò. Quando sono tornato al tavolo stavano ridendo entrambi, quindi ho pensato che non fosse successo nulla, a parte il fatto che non avrei creato storie su ciò che avevano detto. Bene a pensarci bene se ci fossero delle cose strane, ma sicuramente ora non serve più a molto rendersi conto delle cose.

Oggi siamo andati al bar dell'hotel, Yaeri ha detto che le faceva male la testa, anche lei si sentiva un po' annoiata. È andato in camera e io sono rimasto con Humberto per bere un paio di drink, poi mi ha detto che il cameriere aveva consigliato un bar vicino e che ci saremmo divertiti molto. E beh, dopo qualche drink, non ho visto un motivo per non andare, sono sicuro che non l'hai fatto nemmeno tu, alla fine stavo festeggiando il mio matrimonio, giusto? Quindi lasciamo riposare Yaeri.



Abbiamo bevuto tutta la notte, abbiamo ballato con un paio di ragazze che Humberto ha incontrato al tavolo accanto a noi. 5 minuti fa mi sono alzato per andare in bagno, Humberto mi ha detto che sarebbe andato anche lui, strizzandomi l'occhio, quando è arrivato ha portato un sacchetto con la polvere bianca. Era la festa del mio matrimonio, quindi mettiamoci al lavoro ho detto. Quando eravamo nei lavandini del bagno abbiamo visto entrambi entrare Yaeri attraverso il riflesso dello specchio, l'ho salutata e Humberto è diventato pallido, vedendo il coltello in mano ho preso lo stesso colore. Non abbiamo nemmeno fatto in tempo a reagire, Humberto era già a terra e io con il coltello alla gola. Ora sono qui in bagno, a riflettere su cosa avrei potuto fare di sbagliato, immagino che le discussioni tra Yaeri e Humberto fossero tali che Yaeri non lo avrebbe fatto... non lo saprò mai.

 

Chiese e Musei.


Si te gustó, suscríbete al blog al final de esta página, y compártelo en tus redes.